CULTURALIBRI

Le piante di Mancuso si arrampicano sul Galileo 2018

«And the winner is…Stefano!». Va a Stefano Mancuso, docente all'Università di Firenze e autore di Plant Revolution, il Premio Letterario Galileo 2018

Premio Letterario Galileo 2018

ATTUALITÀ – Potremmo scomodare Sofia Loren per raccontare il vincitore del Premio Letterario Galileo 2018. Un grande scienziato e un grande divulgatore, come fu già lo scorso anno: Stefano Mancuso, professore all’Università di Firenze e direttore del Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale. L’autore di Plant Revolution ha mostrato la sua gioia al momento del conferimento del premio: «Grazie ai trentasette studenti che mi hanno fatto vincere, vi bacerei tutti… come Benigni!».

Anche quest’anno il premio è stato ad appannaggio di un uomo, come è accaduto (quasi incessantemente) nelle undici edizioni passate. A partire dal 2007 lo scettro è andato a nove uomini, due coppie formate da uomini e una sola coppia formata da un uomo e una donna.

A completare il podio sono state due donne: Anna Meldolesi, medaglia d’argento, e Gabriella Greison, medaglia di bronzo. Quest’anno la rosa dei finalisti era equilibrata, con due donne (Gabriella Greison e Anna Meldolesi), una coppia mista (Piero Martin e Alessandra Viola) e due uomini (Marco Malvaldi e Stefano Mancuso), ma la tendenza non si è invertita e per vedere una vincitrice bisognerà ancora aspettare.

Tante novità, poca suspense

Parecchie le novità del Premio Letterario Galileo 2018 rispetto alle edizioni passate: la collocazione, la presidenza di giuria e la giuria degli studenti. A differenza degli anni scorsi, gli eventi di presentazione e premiazione sono rientrati nel programma del Galileo festival, un festival dell’innovazione che si tiene dal 2006 ed è diretto dal giornalista del Corriere della Sera Massimo Sideri.

A presiedere la giuria di qualità, invece, è stata per la prima volta una donna, l’astrofisica Sandra Savaglio, una delle scienziate più influenti del mondo e oggi ricercatrice al dipartimento di fisica dell’Università della Calabria. «Non ascoltate gli adulti, perché vi possono tarpare le ali e bloccare l’energia che vi consente di fare tutto» ha detto la presidente durante la cerimonia di premiazione, che ha aggiunto: «Imparate a essere critici quando qualcuno vi dà delle informazioni e partite sempre dal presupposto che ciò che trovate in Rete è falso e quindi va controllato».

La giuria di studenti, poi, ha visto partecipare i ragazzi di quarta superiore di Padova e Rovigo, oltre a cento studenti universitari provenienti da tutta Italia.

Con il Premio Letterario Galileo 2018 è poi cambiata la modalità di presentazione delle opere al pubblico: nel pomeriggio e nella serata di giovedì 17 maggio, il pubblico ha potuto scoprire da vicino le diverse opere nel Centro culturale San Gaetano.

Diversa, infine, la location della finale, che si è spostata dal Palazzo della Ragione all’aula magna di Palazzo Bo, sede dell’università di Padova. L’evento è stato condotto dalla giornalista della Rai Eva Giovannini, che ha ben condotto senza però riuscire a trasmettere grande emozione nel pubblico.


Segui Claudio Dutto su Twitter

Leggi anche: Te lo legge l’autore: i finalisti del Premio Galileo 2018

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

claudio dutto
Redattore di libri scolastici, appassionato di saggi scientifici e autore di podcast per diletto. Su twitter sono @claudio_dutto

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: