mercoledì, Settembre 18, 2019

archiveANIMALI

IN EVIDENZA

È una marcia di protesta!

IL CORRIERE DELLA SERRA - Nel 2000, il gruppo di Yvon Le Mahon, dell'università di Strasburgo, ha inanellato 50 pinguini reali di Possession Island già dotati di minuscoli transponder sottocutanei e ne hanno comparato la durata di vita e il numero di figli con quelli di 50 solo con il transponder. (In generale, i ricercatori preferiscono gli anelli che, oltre a costare poco, consentono di seguire l'animale da lontano con un binocolo, mentre per ricuperare i dati di un transponder così piccolo bisogna andargli vicino). Sull'arco di dieci anni, i pinguini inanellati aveva un tasso di sopravvivenza inferiore del 16% e addirittura un 39% di piccoli in meno rispetto agli altri. La mortalità degli inanellati è del 16% superiore in media su dieci anni, però del 30% nei primi 4,5 anni di vita, dopo la differenza scompare. Forse non tutti i giovani inanellati mancanti all'appello sono finiti cadaveri in mare, magari qualcuno ha raggiunto un'altra colonia, spinto a emigrare per un qualche motivo non condiviso da quelli con il solo transponder.
IN EVIDENZA

Il caro non estinto

IL CORRIERE DELLA SERRA _ Il lori gracile delle foreste dello Sri Lanka - all'anagrafe Loris tardigradus nycticeboides - è un primate arboricolo, timido, notturno e lungo in tutto 17 cm. scoperto, a fatica, nel 1937. Nel 2001 ne era stato avvistato soltanto uno, pareva spacciato. E' ricomparso proprio nell'anno della biodiversità, ed è stato fotografato per la prima volta. Vive solitario, quando ha voglia di compagnia va a cercare un altro lori e lo abbraccia a lungo. Craig Turner della Società Zoological Society of London pensa che capiti di rado perché delle foreste restano pochi ciuffi sparsi e lui, inteso come il lori, dalla foresta non esce mai. I pochi individui rimasti potrebbero già essere tutti isolati. Foto di C. Mahanayakage, altre sul sito della Zoological Society of London.
AMBIENTE

Animali nella rete

La due-settimane di convention CITES, in corso di svolgimento, non sembra andare molto bene, e ora si punta il dito contro le minacce via web. Secondo i partecipanti alla Convention sul commercio internazionale delle specie in pericolo della flora e della fauna (CITES), Internet rappresenta una delle più grandi minacce per gli animali in via di estinzione. Non è mai stato così facile, infatti, vendere e comprare qualsiasi cosa, purtroppo anche cuccioli di leone e pellicce di orso polare, utilizzando siti web e chat. Il problema è emerso durante la...

Sentire con le piume

Alcuni uccelli possono usare particolari tipi di penne come “strumenti tattili”, per esplorare l'ambiente ed evitare pericoli CRONACA - Non c'è solo un fatto “estetico”, dietro la cresta e le strane penne facciali dell'Aethia pygmea, uccello marino della famiglia degli alcidi: queste strane strutture servirebbero anche per non andare a sbattere contro le rocce, presenti in abbondanza nell'habitat tipico di questi animali, le scogliere marine a picco sul Pacifico settentrionale . L'idea era venuta già un paio di anni fa agli ornitologi Ian Jones e Sampath Seneviratne, della Memorial University...
AMBIENTE

C’è posta dal lupo

Grazie a un collare hi-tech, un progetto dell'Us Geological Survey permette di seguire le tracce del lupo artico durante la lunga notte polare. AMBIENTE - Che cosa fa un branco di lupi artici durante l'inverno, quando è buio per 24 ore al giorno e le temperature raggiungono i 60 gradi sotto lo zero? David Mech, ricercatore dell'US Geological Survey, se lo chiede da 25 anni, da quando cioè ha cominciato a studiare i lupi di Ellesmere Island, la più settentrionale delle isole artiche canadesi. E ora finalmente è venuto il...
1 10 11 12
Page 12 of 12