domenica, Agosto 1, 2021

archivepinguini

È una marcia di protesta!

IL CORRIERE DELLA SERRA - Nel 2000, il gruppo di Yvon Le Mahon, dell'università di Strasburgo, ha inanellato 50 pinguini reali di Possession Island già dotati di minuscoli transponder sottocutanei e ne hanno comparato la durata di vita e il numero di figli con quelli di 50 solo con il transponder. (In generale, i ricercatori preferiscono gli anelli che, oltre a costare poco, consentono di seguire l'animale da lontano con un binocolo, mentre per ricuperare i dati di un transponder così piccolo bisogna andargli vicino). Sull'arco di dieci anni, i pinguini inanellati aveva un tasso di sopravvivenza inferiore del 16% e addirittura un 39% di piccoli in meno rispetto agli altri. La mortalità degli inanellati è del 16% superiore in media su dieci anni, però del 30% nei primi 4,5 anni di vita, dopo la differenza scompare. Forse non tutti i giovani inanellati mancanti all'appello sono finiti cadaveri in mare, magari qualcuno ha raggiunto un'altra colonia, spinto a emigrare per un qualche motivo non condiviso da quelli con il solo transponder.

Il re dell’acqua

NOTIZIE - I paleontologi hanno trovato in Perù il fossile di un pinguino gigante, antico di 36 milioni di anni, e ora estinto, che possedeva contemporaneamente scaglie e penne dai colori brillanti.

I pinguini e la malaria

In 19 pinguini delle Galápagos è stato trovato il parassita Plasmodium che provoca la malaria. Sebbene tutti gli animali risultino sani, se dovesse insorgere un’epidemia sarebbe una catastrofe.