Le origini straniere degli scandinavi

Crediti: Let Ideas CompeteL’attuale popolazione della penisola deriva da popoli immigrati in quelle terre più recentemente di quanto si è creduto finora


I giganti biondi e con gli occhi azzurri che popolano le terre fredde della Scandinavia non sono i discendenti delle popolazioni che abitavano l’area alla fine dell’ultima era glaciale, ma di altri individui trasferiti li solo più recentemente, in concomitanza con la nascita dell’agricoltura.

“I cacciatori-raccoglitori che abitavano il nostro paese 4000 anni fa hanno caratteristiche genetiche diverse dalle nostre,” ha spiegato Anders Götherström del Departmento di Biologia Evolutiva dell’ Università di Uppsala, che ha condotto lo studio insieme a Eske Willerslev del Centro di GeoGenetica dell’Università di Copenhagen.

Lo studio ha utilizzato la tecnica dello screening genetico sul DNA fossile e contemporaneo per stabilire se le pratiche dell’agricoltura e dell’allevamento siano state introdotte dalle popolazioni originarie o importante da immigrazioni successive.

“I nostri risultati dimostrano che gli scandinavi odierni non sono i discendenti diretti del cacciatori-raccoglitori che vivevano in questa regione durante l’età della pietra. Questo ci porta a concludere che ci deve per forza essere stata una certa quota di immigrazione, probabilmente all’inizio dell’era dell’agricoltura. Per ora purtroppo non siamo in grado di determinare l’entità di questa immigrazione,”  ha spiegato Petra Molnar del Laboratorio di ricerca Osteoarcheologica Dell’Università di Stoccolma coinvolta anche lei nello studio.

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

1 Commento

  1. E allora, come si spiegano tutti i fenomeni che si è soliti ascrivere all’adattamento alle alte latitudini (capelli biondi, pelle senza melanina, alta statura, ecc)? Non mi sembra possibile che essi possano essere avvenuti in soli 4.000 anni!

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: