giovedì, Gennaio 17, 2019
IN EVIDENZA

Capodogli, prime indicazioni sulle cause degli spiaggiamenti

Eseguita l’autopsia su tre dei sette capodogli spiaggiati lo scorso 12 dicembre

“Un evento acuto intercorso su un gruppo di sub-adulti maschi di capodoglio, con lunghezza compresa tra 10.50 e 12.20 mt”. È quanto afferma  il prof. Mazzariol del Facoltà di Medicina Veterinaria a Padova, Teramo e Bari e referente dell’IWC (International Whaling Commission) nella relazione ministeriale preliminare redatta a seguito dei rilievi post-mortem effettuati su 3 dei 7 animali spiaggiati.

Negli animali sottoposti ad autopsia “sembra che si sia verificato un quadro di embolismo gassoso ma lieve e quindi possibilmente dannoso solamente in animali con patologie pregresse”.  Mazzariol tuttavia non esclude che “in altri animali tali lesioni siano state di maggior entità e che tra quegli animali si potesse trovare un possibile capo gruppo, seguito da tutti i soggetti, comunque affetti”. Si tratta comunque di dati preliminari andranno confermati da esami ulteriori.

In questo evento eccezionale – ‘gli ultimi spiaggiamenti di massa risalgono all’Ottocento’ ha affermato Giuseppe Notarbartolo di Sciara, presidente del Comitato scientifico di Accobams (Accordo per la conservazione dei cetacei del mar Nero, mar Mediterraneo e zona atlantica contigua)  – eccezionale è stato infatti lo spirito di collaborazione intercorso tra gli attori scientifici intervenuti. Basta l’elenco delle analisi attualmente in atto nelle diverse aree d’Italia per rendersene conto: sono previsti infatti esami virologico (Università di Teramo e Bari e IZS di Foggia), batteriologico (IZS di Foggia e Università di Bari), parassitologico (Università di Padova, Teramo e Roma), tossicologico (Università di Siena), istopatologico (Università di Padova e Teramo) nonchè la valutazione di eventuale sindrome embolica (Università di Las Palmas – Canarie e Padova). A questo si aggiungeranno indicazioni sulla maturità gonadica degli individui (Padova), sulla genetica (possibilmente Università di Firenze), sull’età (Padova) e sul contenuto stomacale (Museo di Milano).

I tessuti e altri reperti si trovano attualmente conservati presso le strutture della Banca Tessuti di Padova, a disposizione di coloro che ne facessero opportuna e motivata richiesta. Nel frattempo le foto della livrea e della coda degli animali spiaggiati verranno confrontati con database di foto-identificazione così da aumentare le informazioni disponibili sulla distribuzione spaziale degli individui pre-spiaggiamento.

Secondo Mazzariol i risultati dell’autopsia sarebbero compatibili con l’ipotesi di un maremoto come causa scatenante l’evento. Lo scorso 7 dicembre infatti nel Mar Ionio si è registrato un evento sismico di magnitudo 4.5.

Si potrebbe dunque ipotizzare che il violento  movimento del mare causato dalla scossa abbia costretto gli animali a una brusca risalita causando l’emboli. ciò, a sua volta, potrebbe aver determinato, in capodogli già debilitati  la deriva e quindi lo spiaggiamento.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: