SPECIALIULISSE

Foodprint #1

Qual è l’impatto ambientale di un pasto?

SPECIALE MAGGIO – Tutte le azioni degli esseri umani provocano modifiche all’ambiente circostante. L’impatto ambientale si può misurare in base alla produzione di gas serra, al consumo di acqua e all’impiego del suolo.

Anche la produzione di cibo è una di quelle attività umane con un forte impatto sull’ambiente. In Italia il 25% delle emissioni di gas serra totali è dovuto all’agricoltura. Per molto tempo l’esigenza di aumentare la disponibilità alimentare ha trascurato gli impatti ambientali, sul lungo periodo, della produzione e della distribuzione del cibo. Ognuno di noi “mangia” 3496 litri di acqua al giorno. Cioè più del 90% dell’acqua che usiamo ogni giorno è impiegata per produrre il cibo che mangiamo. Ma vediamo quanta acqua ci vuole per un pasto classico: un piatto di pasta al pomodoro e una bistecca. Partiamo dalla pasta.

@giulirocko

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Giulia Rocco
Pensa e produce oggetti multimediali per il giornalismo e l’editoria. L’hanno definita “sperimentatrice seriale”.

6 Commenti

  1. Anche le alghe verdi hanno modificato l’ambiente.Il loro prodotto di degradazione era nientemeno che l’ossigeno. E dici poco. Che dire delle rocce create dalle diatomee e dai poriferi? Hanno costruito le montagne. E le barriere coralline? Sono bastate le cagate dei gabbiani per costruire montagne di guano. L’uomo è natura egli stesso ed agisce in tempi più brevi, ma alla fine diventerà egli stesso oggetto delle sue azioni. Ogni era ha i suoi protagonisti e sperare di pianificare il nostro futuro è una pia illusione. Nuovi eventi battono alle porte e ciascuna generazione si preoccupa del presente. Al futuro penseranno i nostri pronipoti.

  2. Speriamo che a nessuno venga in mente di ridurre la produzione agricola (per evitare le emissioni di GHG od anche il consumo di acqua necessaria alle varie coltivazioni!), altrimenti davvero il “catastrofismo” speculativo produrrebbe … catastrofi!

    Potrebbe essere interessante leggere i vari articoli ed approfondimenti postati su: www. climatemonitor.it dal Prof. Luigi Mariani, in merito a GHG e produzione agricola.
    Uno di questi è quello che segue:

    http://www.climatemonitor.it/?p=37955

    Anche solo ricordare la legge di Lavoisier potrebbe servire.

  3. […] più del 90% dell’acqua che usiamo ogni giorno è impiegata per produrre il cibo che mangiamo. Abbiamo visto che mangiando 100 grammi di pasta al pomodoro mangiamo anche 175 litri di acqua. Vediamo allora […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: