ATTUALITÀULISSE

Esplode il cargo Space X diretto all’ISS: persi 35 esperimenti scientifici

Il Falcon 9 è scoppiato in aria il 28 giugno dopo il lancio dalla base di Wallops. Gli astronauti sull'ISS non sono in pericolo per il mancato rifornimento.

Il video del lancio del razzo Falcon 9 dell’azienza Space X. Dal minuto 23:45 si cominciano a vedere i problemi al propulsore che hanno provocato l’esplosione.

ATTUALITÀ – È durato pochi minuti il volo del Falcon 9, mezzo completamente privo di personale di volo, che doveva raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) portando rifornimenti e un carico di nuovi esperimenti ed apparecchiature scientifiche, per un totale di circa 1800 kg. Ma un problema al razzo propulsore ha fatto esplodere nel cielo sopra l’Atlantico il mezzo con tutto il suo contenuto.

Il cargo di proprietà dell’azienda americana Space X, uno dei vettori commerciali sotto contratto con la NASA per il servizio di trasporto all’ISS, si è staccato da terra dalla base di Wallops, in Virginia, la stessa dove si è verificato l’incidente dell’Antares di Orbital Sciences nello scorso ottobre. Il danno sotto il profilo economico è grande, ma come ha sottolineato a Nature Bill Gerstenmaier, il responsabile delle operazioni di esplorazione umana dello spazio della NASA, il danno è soprattutto l’impossibilità di lavorare agli esperimenti che si trovavano sul cargo esploso.

Tra di essi, una PCR per studiare l’espressione genica in orbita, una piccola serra per provare a coltivare i cavoli (e poi nutrirsene) in orbita (e uno studio sulla nanomedicina di cui avevamo parlato qui). Alcuni dei 35 esperimenti che dovevano arrivare sull’ISS, ironia della sorte, erano al secondo lancio, dopo che erano andati distrutti nell’esplosione dello scorso ottobre dell’Antares. Space X ha dichiarato di aver aperto un’indagine per comprendere le cause dell’incidente e di fermare ogni attività di volo per almeno tre mesi.

Se ai due incidenti di Wallops aggiungiamo anche quello della navetta Virgin Galactic del novembre del 2014, tutti e tre i vettori commerciali americani per il trasporto all’ISS hanno subito un incidente molto importante in meno di un anno, mettendo in evidenza le difficoltà tecniche dell’impresa e la problematiche logistiche che si stanno cominciando a profilare all’orizzonte. Il caso del Falcon 9 è problematico anche perché nell’esplosione sono andati distrutti due moduli che avrebbero dovuto costituire i primi step dei dock per i veicoli commerciali sull’ISS, una delle previste fonti di guadagno per tutte queste compagnie.

Non ci sono problemi per il rifornimento degli astronauti dell’ISS, che hanno sufficienti scorte di materiali e cibo per sopportare il ritardo. In ogni caso, il prossimo 3 luglio è previsto un lancio del vettore russo Progress dalla base nel Kazakistan.

@ogdabaum

Leggi anche: Navetta spaziale Virgin si schianta durante test in volo

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.

Marco Boscolo
Science writer, datajournalist, music lover e divoratore di libri e fumetti - @ogdabaum - marcoboscolo.org - datajournalism.it

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: