SCOPERTEULISSE

Perché viviamo sulla Terra e non su Venere?

L'erosione da impatto avrebbe scatenato una serie di fenomeni determinanti per l'originarsi della vita. Lo studio su Nature Geoscience

7663247816_4ef6c4d123_z
SCOPERTE – La domanda, specie alla luce delle recenti osservazioni di Kepler-452b, è tutt’altro che banale. Ora un nuovo studio pubblicato su Nature Geoscience da un team di scienziati dell’Università della British Columbia, suggerisce un nuovo percorso evolutivo che avrebbe permesso alla Terra di ospitare la vita, rispetto a pianeti come Venere e Marte.

Secondo i ricercatori, un ruolo importantissimo lo ebbe la crosta terrestre primordiale, ricca di elementi come Uranio e Potassio, che producevano molto calore radioattivo. Questi elementi si sarebbero staccati dal nostro pianeta quando gli asteroidi hanno iniziato a colpirci. Il fenomeno, noto come erosione da impatto, cioè la perdita precoce di questi due elementi, sarebbe responsabile in ultima analisi dell’evoluzione della tettonica a placche, della presenza del campo magnetico e dei fenomeni climatici che hanno caratterizzato la Terra alle sue origini.

Venere è il pianeta più simile alla Terra in termini di dimensioni, massa, densità, gravità e composizione. Tuttavia, mentre la Terra ha avuto un clima stabile e abitabile nel corso delle ere geologiche, sulla superficie di Venere vi sono temperature che raggiungono anche i 470 gradi centigradi.

Nonostante le somiglianze, i due pianeti hanno avuto infatti un’evoluzione completamente differente, e secondo gli scienziati, l’ago della bilancia ha cominciato a spostarsi proprio a causa dell’erosione degli elementi radioattivi dalla crosta terrestre. In particolare, lo spostamento delle placche tettoniche avrebbe causato un raffreddamento del mantello sottostante, mantenendo forte il campo magnetico del pianeta e stimolando l’attività vulcanica. I vulcani in eruzione avrebbero rilasciato importanti quantità di gas serra ed eruzioni regolari avrebbero aiutato a mantenere il clima abitabile, lo stesso che distingue la Terra da tutti gli altri pianeti rocciosi.

@CristinaDaRold

Leggi anche: Il pianeta tossico

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: Beth Scupham, Flickr

Cristina Da Rold
Giornalista freelance e consulente nell'ambito della comunicazione digitale. Soprattutto in rete e soprattutto data-driven. Lavoro per la maggior parte su temi legati a salute, sanità, epidemiologia con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 sono consulente social media per l'Ufficio italiano dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il mio blog: www.cristinadarold.com Twitter: @CristinaDaRold

5 Commenti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: