lunedì, Luglio 22, 2019
LA VOCE DEL MASTER

Il paziente al centro

LA VOCE DEL MASTER - Un tema sempre più sentito, un problema sempre più rilevante: l’incidenza delle malattie croniche cresce di anno in anno, e le persone colpite non sono soltanto anziani. Moltissime patologie riguardano la popolazione in modo trasversale, come nel caso del diabete, dell’asma o dei tumori. Per affrontare e riuscire a convivere con questo fenomeno, c’è bisogno di un nuovo approccio verso i pazienti da parte dei medici. Non più una medicina difensiva, basata sulle necessità e sulle scelte del professionista sanitario, ma una medicina della sicurezza che riporti l’assistito al centro della relazione di cura. Un approccio diverso, un nuovo modo di prendersi cura dei pazienti, rendendoli partecipi, responsabili e consapevoli del proprio cammino terapeutico. Ne parliamo con Annamaria e Daniela, che convivono da anni con la loro malattia e con Renzo Marcolongo, medico ospedaliero, fondatore del laboratorio di Educazione Terapeutica del Malato di Padova e consigliere della Società Europea di Educazione Terapeutica del Paziente, in occasione della presentazione il 20 aprile scorso del manuale La comunicazione della salute.
LA VOCE DEL MASTER

L’officina dell’arte

Il 2 aprile 2010 è stata la giornata mondiale dell’autismo. Una buona occasione per conoscere un'esperienza davvero significativa: l’Officina dell’arte di Pordenone, un centro lavorativo che si prende cura delle persone adulte affette da questa malattia, troppo spesso abbandonate dalle istituzioni e dalla società. LA VOCE DEL MASTER - Negli ultimi anni sono stati fatti dei miglioramenti nella diagnosi della malattia e nell’assistenza ai bambini in età scolare, ma, dopo la scuola dell’obbligo, gli autistici sembrano diventare invisibili. Abbandonati a se stessi e completamente a carico delle famiglie, spesso da...
LA VOCE DEL MASTER

Vita a 56k

Ascolta il servizio di Lara Pellizzaro sulla vita a 56k LA VOCE DEL MASTER - Banda larga, fibra ottica, connessioni internet a 10 Mega. Per molti italiani tutto questo non fa parte della vita quotidiana, si tratta solo di un sogno lontano. Controllare la posta elettronica o vedere le news online diventa un’impresa estenuante, in attesa del collegamento del modem e dell’apertura delle pagine web. Ostacoli che creano una vera e propria barriera culturale e sociale all’accesso alla Rete: niente home banking, niente giochi online e tanto meno social network,...