venerdì, Luglio 10, 2020
Cristina Da Rold

Cristina Da Rold

Giornalista freelance e consulente nell'ambito della comunicazione digitale. Soprattutto in rete e soprattutto data-driven. Lavoro per la maggior parte su temi legati a salute, sanità, epidemiologia con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 sono consulente social media per l'Ufficio italiano dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.
ricerca

Oggi si festeggia l'”incantatrice dei numeri”

“Incantatrice dei numeri, dimentichi questo mondo e tutti i suoi guai e se è possibile, con tutti i suoi numerosissimi ciarlatani perché ogni cosa ha una breve durata”. Così il celebre matematico Charles Babbage scriveva ad Ada Lovelace (1815-1852), nata Augusta Ada Byron, di cui oggi si ricorda l’enorme contributo scientifico nel campo della matematica.
CRONACA

Respiro antico

Forse l’ossigeno che respiriamo è molto più antico di quanto crediamo. Secondo un recente studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature da parte di un team dell’ Università di Copenhagen e della British Columbia, le prime tracce di ossigeno nella nostra atmosfera sono apparse circa 700 milioni di anni prima rispetto a quanto si pensasse.
CRONACASPECIALI

Perchè non “Bosone di Englert”?

“Per la scoperta teorica di un meccanismo che contribuisce alla nostra comprensione dell'origine della massa di particelle subatomiche” si legge nelle motivazioni dell’Accademia Reale Svedese delle Scienze, che ha conferito il Premio Nobel per la Fisica 2013 a François Englert insieme a Peter Higgs.
SPECIALI

Perché non esiste il Nobel per la matematica?

Come ogni autunno, anche quest’anno è tempo di Nobel, e per qualche giorno la comunità scientifica si raccoglie intorno a questo evento, trasudando speranze, attese, delusioni e qualche vittoria. In realtà, non tutto il mondo scientifico è coinvolto direttamente in questa sequela di trepidazioni: l’universo dei matematici come è noto, non ha ad esempio nessuna propria categoria di rappresentanza.
CRONACA

Figli delle stelle?

Probabilmente è ora di rispolverare il vecchio adagio secondo cui “non siamo altro che polvere di stelle”. Alcuni ricercatori dell’Imperial College di Londra, dell’Università del Kent e del Lawrence Livermore National Laboratory hanno infatti aggiunto qualche tassello in più sui processi che guidano l'originarsi della vita sul nostro pianeta, scoprendo che l'impatto tra una cometa lanciata a grande velocità e la Terra, è in grado di mettere in moto i processi chimici che generano alcune tra le componenti prime della vita, come gli amminoacidi.
ricerca

A qualcuno piace caldo

“L'estate non si caratterizza meno per le sue mosche e zanzare che per le sue rose e le sue notti stellate” scriveva Marcel Proust. E ora che l'estate è agli sgoccioli, come ogni anno sulla nostra pelle si contano i segni dell'eterna lotta estiva tra uomini e insetti.
CRONACA

Il diavolo veste PCSK6

Nei secoli scorsi, e fino a non molti decenni fa, la mano sinistra - anche in relazione al nome - veniva definita “la mano del diavolo”, poiché si riteneva che la propensione verso il mancinismo rappresentasse un'anticamera per loschi presagi.
CRONACA

Perdi peso e resti in forma (galattica)

Anche per le galassie il movimento aiuta a perdere peso. Alcuni ricercatori guidati dall'italiana Raffaella Morganti dell'Istituto olandese per la Radioastronomia, hanno finalmente fornito una spiegazione della perdita di massa osservata in molte galassie. In particolare, lo studio pubblicato recentemente su Science sembra confermare l'ipotesi secondo cui a causare questo fenomeno siano i buchi neri supermassicci presenti al centro di queste galassie.
1 65 66 67 68 69 70
Page 67 of 70