domenica, Giugno 16, 2019
Stefano Dalla Casa

Stefano Dalla Casa

Giornalista e comunicatore scientifico, mi sono formato all’Università di Bologna e alla Sissa di Trieste. Scrivo abitualmente sull’Aula di Scienze Zanichelli, Wired.it, OggiScienza e collaboro con Pikaia, il portale italiano dell’evoluzione. Ho scritto col pilota di rover marziani Paolo Bellutta il libro di divulgazione "Autisti marziani" (Zanichelli, 2014). Su twitter sono @Radioprozac
ricerca

Voyager 1 ha lasciato il Sistema Solare (?)

Il Voyager 1, una delle due sonde gemelle lanciate nel 1977 e progettate per l'esplorazione dei pianeti del Sistema Solare, potrebbe trovarsi ora nello spazio interstellare. Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista The Astrophisical Journal Letters il limite sarebbe stato oltrepassato il 27 luglio 2012
ricerca

Economia domestica

Per qualcuno rappresentano una nuova rivoluzione industriale, un cambio di paradigma, ma ora che i loro prezzi precipitano diventa sempre più interessante il loro impatto sull'utente consumer: stiamo ovviamente parlando delle stampanti 3D. Secondo un nuovo studio le stampanti 3D sarebbero già in grado di far risparmiare migliaia di dollari a una famiglia media.
ricerca

Se mi schiacci mi espando

Così la chimica Karena Chapman prova a semplificare la nuova scoperta ai celebri Argonne National Laboratory. Una volta in questi luoghi, tra l'Università di Chicago e la foresta Red Gate Woods, il nostro Enrico fermi "sbarcò nel nuovo mondo" costruendo nel 1942 il primo reattore nucleare nella Storia e venne portato avanti il Progetto Manhattan, ora invece l'Argonne, collocato sempre in Illinois ma a quale chilometro da Red Gate Woods, è amministrato dal dipartimento per l'energia statunitense e porta avanti sia ricerca pura che applicata in diversi campi, tra cui quello, assai composito, delle scienze dei materiali.
CRONACA

Segui la cicala!

Ogni 17 anni, in primavera, miliardi di esemplari di tre specie di cicala del genere Magicicada (endemico degli Stati Uniti) emergono dal suolo, e per qualche settimana non fanno altro accoppiarsi. Le femmine depongono le uova in fessure che aprono nella corteccia di giovani rami e poi, in breve tempo, tutti gli adulti muoiono lasciando spazio alla successiva generazione, che impiegherà altri diciassette anni prima di completare la metamorfosi e uscire dalla stadio di ninfa, passando gran parte dei quali nutrendosi dei liquidi estratti dalle radici delle piante.
ricerca

Stampa 3D: il buono, il brutto, il cattivo

La tracheobroncomalacia è una patologia nella quale trachea e bronchi tendono a collassare, impedendo la ventilazione. Nei bebè in particolare questa condizione li pone continuamente a rischio di vita. Era il caso di Kaiba, una bambina che un brutto giorno, a sei settimane dalla nascita, ha cominciato a manifestare i sintomi. Ogni giorno la neonata smetteva di respirare e doveva essere rianimata. Una situazione talmente seria che i dottori dovettero dire ai genitori che loro figlia aveva poche possibilità di lasciare l'ospedale viva. Ora Kaiba ha 20 mesi è sta benissimo. Nessun miracolo naturalmente: tutto merito di un trattamento innovativo messo a punto dal dottor Glenn Green e dall'ingegnere Scott Hollister dell' Università del Michigan, USA.
ricerca

OpenWorm

Quando si pensa agli organismi modello, subito dopo il moscerino Drosophila melanogaster viene in mente il nematode Caenorhabditis elegans. Una delle caratteristiche che lo rende un animale davvero perfetto per il laboratorio, come se non bastasse che è trasparente e che si può "surgelare", è che nello sviluppo embrionale possiamo seguire il destino di ogni singola cellula che costituisce un individuo adulto dei due sessi (959 per gli ermafroditi, 1031 per i maschi). Nel 1998 è stato anche il primo animale ad avere il genoma totalmente sequenziato: insomma un animale che conosciamo davvero bene, ma sarà sufficiente per crearne una versione totalmente artificiale?
ricerca

Formiche robot

FUTURO - Ricordate i robottini ALICE? Sviluppati all'EPFL, sono mini robot programmabili molto spesso utilizzati dai ricercatori allo studio delle proprietà emergenti, cioè quei comportamenti complessi che si manifestano a partire da poche, semplicissime, regole seguite dalle unità che compongono il sistema. Ne sono un esempio gli stormi, siano questi di uccelli o di robot.
CRONACAeventi

#turboblogging – «Ricostruire è ricerca»

EVENTI - Sentiamo le parole "innovazione" e "sostenibilità" e ci mettiamo sempre automaticamente all'erta: queste etichette sono diffuse ovunque, ne siamo bombardati, dal volantino pubblicitario alla conferenza e, spesso, ci ritraiamo cedendo alla facile conclusione che il contenitore valga più del contenuto. Non sempre è così, naturalmente, ma bisogna prendersi un po' di tempo per separare il grano dalla pula, per capire se ci troviamo di fronte a qualcosa di concreto o se ci siamo per l’ennesima volta semplicemente invischiati nel jargon (tr: supercazzole) del marketing. In Emilia Romagna, per esempio, di questo grano ce n’è molto. Un esempio è dato dalla Rete Alta Tecnologia, un network su sei piattaforme (Agroalimentare, Costruzioni, Energia Ambiente, ICT e design, Meccanica Materiali, Scienze della Vita) tra Università, imprese e amministrazioni, che su innovazione e sostenibilità si regge e cammina.
1 2 3 4 5 16
Page 3 of 16