venerdì, Agosto 14, 2020

L’imperatore in mostra

ARTE, MUSICA & SPETTACOLI - Se vi capita di passare per Dearborn, nel Michigan, non dimenticatevi di fare una visita al Museo di Storia Naturale dell’Università. Perché potreste vedere uno dei fossili più straordinari esposti in qualsiasi museo del mondo. Quello di un basilosauro (sauro imperatore), un animale acquatico vissuto fino a 37 milioni di anni fa, e che ora occupa l’intero soffitto della galleria al secondo piano del museo. Il fossile sarà il simbolo della mostra Back to the Sea: The Evolution of Whales che sarà inaugurata in Aprile. Lungo 16 metri è completo in ogni sua parte: a far certamente impressione è il cranio e l’apertura boccale con denti lunghi 10 centime
AMBIENTE

In un mondo di Pizzly

AMBIENTE - Il primo ibrido lo hanno visto e catturato nel 2006 ed era un incrocio tra un orso polare e un grizzly, la sottospecie americana di orso bru no: l’animale aveva alcune macchie scure su una candida pelliccia bianca. Ora, imbalsamato, fa bella mostra di se a casa del cacciatore Jim Martell a Glenn Ferry. Lo hanno chiamato Pizzly, altri hanno proposto Prizzly, qualcun altro Grolar. La fantasia in questi casi non manca mai. Evidentemente frutto di un “incontro amoroso” tra due specie che, almeno in tempo storici, non si sono mai incontrate perché separate da una barriera naturale molto efficiente: i ghiacci artici. Dove l’orso polare è re incontrastato e dai quali i grizzly si tengono alla larga. I ghiacci nordici però si stanno riducendo stagione dopo stagione e questo costringe gli orsi polari a passare molto più tempo sulla terraferma e incontrare così i loro simili più scuri. Brendan Kelly del NOAA, autore della ricerca sui nuovi ibridi artici ed esperto zoologo, prevede che entro la fine del secolo il ghiaccio marino del Mar Glaciale Artico durante l'estate sarà del tutto assente. Con conseguenze pesanti sugli equilibri di questi ecosistemi.
AMBIENTE

Il grande fratello del mare

Registare il rumore sotto la superficie del mare per ascoltare delfini, capodogli e balene e valutare quanto il rumore prodotto dalle nostre attività impatti sulla vita acquatica è una delle priorità della UE per il 2012. La Spagna si è mossa per prima. I laboratori di Bioacustica Applicata (LAB) della Università Politecnica di Barcellona, hanno sviluppato LIDO, acronimo dell’inglese Listening to the Deep Ocean, un progetto di ricerca applicata che consiste in una sistema permanente di idrofoni, collegati a piattaforme sottomarine in tutti gli oceani, in grado di captare e...
AMBIENTECRONACA

Shark Attack 2

CRONACA NERA - È di ieri, domenica 4 dicembre, la notizia che uno squalo ha ucciso una donna tedesca nelle acque di Sharm el Sheikh. A poche ore dalla riapertura delle spiagge imposta dal governo egiziano e durata fino a sabato 3 dicembre. Dopo le tre persone ferite la scorsa settimana (non quattro come inizialmente si temeva) e la caccia allo squalo delle autorità, culminata nella cattura di due squali (un mako e un carcarino longimano), il problema si ripropone e questa volta con conseguenze davvero tragiche

Shark attack

PARCO DELLE BUFALE - Ogni (rara) volta che uno squalo attacca un uomo, le parole più frequenti sui media nazionali italiani sono: panico, terrore, rosso sangue, macchina assassina. L’errore più comune poi è quello di sparare a caso nome della specie e fotografia dell’animale. Nessuno dice nulla, ma se un giorno a decidere una finale di Coppa dei Campioni fosse un gol di Cristiano Ronaldo e l’indomani la Gazzetta dello sport titolasse “Kakà sempre più forte” magari con una foto di Ibrahimovic… apriti cielo! Nella comunicazione scientifica tutto sembra essere permesso
AMBIENTE

Identità alla prova

AMBIENTE - Perché quando apriamo la confezione di un cellulare ci aspettiamo di trovare esattamente l’oggetto raffigurato sulla scatola e non pretendiamo lo stesso con il cibo che mangiamo? Potrebbe essere questo il motivo che ha spinto Greenpeace ad aprire le scatolette di tonno per analizzarne il contenuto. A un anno dalla campagna Rompiscatole, in cui l’associazione ambientalista aveva controllato tutti i passaggi della filiera ittica e le scelte in tema di sostenibilità dei principali produttori di tonno, questa volta l’esame del DNA ha permesso di capire cosa mangiamo quando apriamo una scatoletta di tonno.
AMBIENTE

Il capodoglio che non c’è più

Lo scheletro di un capodoglio del medio Miocene ritrovato due anni fa in un sedimento nel deserto di Pisco-Ica, una regione del Perù meridionale, permette oggi di immaginare come fosse fatto e come viveva l’antenato del capodoglio moderno. È stato denominato da Olivier Lambert, ricercatore del team internazionale che ha condotto le ricerche, Leviathan melvillei, in onore di Herman Melville l’autore di Moby Dick. Aveva denti impressionanti, lunghi fino a 36 cm e con un diametro alla base di 12 cm, posizionati su entrambe le arcate della bocca. La lunghezza...
AMBIENTE

Le relazioni pericolose

AMBIENTE - Vivere in acque azzurre, dieta vegetariana a base di alghe e poi rischiare la vita per l’insorgenza di un tumore. La sopravvivenza della tartaruga verde (Chelonia mydas) nell’arcipelago delle Hawaii, ma anche in Australia e ai Caraibi, è minacciata da una sindrome, nota dal 1938, la Fibropapillomatosi. La malattia è caratterizzata dalla presenza di fibropapillomi esterni, masse tumorali esterne grandi come palline da tennis.
COSTUME E SOCIETÀ

L’elicottero, la balena e l’(IG) Nobel.

COSTUME - E il premio Nobel 2010 per la ricerca più improbabile va a…Miss Karina Acevedo-Whitehouse per la tecnica di raccolta del respiro delle balene con un elicottero radiocomandato. Tutto vero, o quasi. Il premio non è il prestigioso Nobel conferito dalla Reale Accademia svedese ma l’Ig Nobel (leggi ignobile), una parodia irriverente del premio ufficiale che viene assegnato ogni anno a ricerche scientifiche bizzarre, di dubbia utilità. O di scarsa validità scientifica.
AMBIENTE

Salmoni OGM: chi rischia di più?

AMBIENTE - La FDA sta valutando se aprire l’era degli allevamenti ittici con uova modificate. Il rischio sarebbe prima di tutto per le popolazioni selvatiche. Parola di un veterinario. Tagliatelle al salmone affumicato, tramezzini al salmone, salmone al brandy. Dopo il tonno, il salmone è il pesce pregiato più presente sulle tavole italiane. Potremmo però un giorno dover riscrivere i menù; patè al salmone OGM o carpaccio di salmone OGM se la Food and Drug Administration (FDA) approverà l’utilizzo negli impianti ittici delle uova di salmone atlantico AquaAdvantage®, prodotte dall’azienda americana bio-tech Aquabounty
1 2 3 4
Page 2 of 4